• Cerca Aziende
  • Cerca nel sito

Cosa Cerchi?

es. Onoranze Funebri

Dove?

es. Roma

Cosa stai cercando?

es. Azienda XYZ

Testamento
2015-03-09 16:42:44
Nell'ordinamento del Codice Civile Italiano, il testamento è un atto giuridico, di natura personale, unilaterale e revocabile, mediante il quale il de cuius, all'interno della successione di morte, manifesta la propria volontà, in relazione ai suoi beni o diritti, nel momento che cesserà di vivere.

Il testamento è un atto revocabile, fatto quando si è ancora in vita, non solo per garantire la successione dei beni, ma anche l'eventuale sistemazione post-mortem, è un modo per garantire che la volontà del defunto sia rispettata.

Redigere un testamento è molto importante!


Ogni cittadino, nel pieno possesso della propria integrità psico-fisica, può decidere le modalità del suo funerale, sia con il rito religioso sia con quello civile, ovvero può scegliere, in base al suo pensiero la cerimonia che lo accompagnerà verso quella che sarà la sua ultima dimora.

Non tutti vogliono lasciare agli altri, la scelta della destinazione del proprio corpo dopo la morte, si può quindi decidere anche il tipo di sepoltura tra:

- Inumazione;
- Tumulazione;
- Cremazione
;
- Poter disporre dell'uso degli organi o dei tessuti a scopi terapeutici.

La cremazione, è resa possibile solo se il defunto, ne ha espresso esplicita volontà o se risulta iscritto in una Associazione, legalmente riconosciuta, che si occupa di raccogliere le volontà dei propri associati e di farle rispettare.

Il defunto può altresì, decidere la destinazione finale delle ceneri, la cui dispersione può avvenire, a condizione che vi sia l'espressione autografa del defunto.

Generalmente le ultime volontà, sono raccolte nel testamento, che può essere di tre tipi:

- Olografo: secondo l'articolo 602 del c.c, trattasi di testamento olografo, quello redatto interamente a mano dal testatore; è la forma più semplice, riservata ed economica, non richiedendo la presenza né del notaio, né dei testimoni, ma a tutela della persona, la legge, per questa procedura, impone determinate formalità e requisiti. Primo fra tutti, dev'essere scritto a mano, cioè di suo pugno, a garanzia dell'autenticità della volontà espressa, inoltre dovrà riporre la data e la firma del testatore, elementi che non dovranno mai mancare, altrimenti si renderà nullo l'atto. Può essere affidato ad una persona di fiducia o meglio ad un notaio, che a morte avvenuta provvederà a darne esecuzione, per mezzo della pubblicazione.

- Testamento Pubblico: Secondo l'articolo 603 del c.c., si parla di testamento pubblico, quando le ultime volontà, sono raccolte e redatte, con le dovute formalità, da un notaio, in presenza di due testimoni maggiorenni, pena l'invalidità dell'atto, questo per garantire la veridicità della dichiarazione del testatore e che non sia stato influenzato dal notaio. Una volta ottenuto lo scritto, il notaio stesso rilascerà l'atto di ricevimento; entro 10 giorni lo invierà all'Archivio notarile, in busta chiusa, con il suo sigillo.

- Testamento Segreto: Il testamento segreto è regolamentato dagli articoli 604 e 605 del c.c., ed è quello che offre maggiori garanzie di conservazione; è una forma particolare, che unisce quello olografo a quello pubblico, infatti, può essere redatto di suo pugno dal testatore, che non è tenuto a rivelarne il contenuto delle disposizioni. La persona, in presenza di due testimoni, consegnerà l'atto al notaio, che provvederà a sigillarlo, in modo che non si possa estrarre, né manomettere; alla morte il notaio, pubblicherà ed aprirà il testamento agli eredi.