A PHP Error was encountered

Severity: Notice

Message: Only variable references should be returned by reference

Filename: core/Common.php

Line Number: 276

Backtrace:

File: /data/vhosts/funerale.it/httpdocs/index.php
Line: 265
Function: require_once

Tanatoprassi | Funerale.it
  • Cerca Aziende
  • Cerca nel sito

Cosa Cerchi?

es. Onoranze Funebri

Dove?

es. Roma

Cosa stai cercando?

es. Azienda XYZ

Tanatoprassi
2015-03-09 17:28:21
Il settore funerario, sta attraversando una sempre più vasta evoluzione, alla preparazione tradizionale, va sostituendosi nel mondo occidentale, una moderna tecnica laica, la Tanatoprassi, ovvero il trattamento estetico e non solo, delle salme, prima delle esequie.

Essa nasce con lo scopo di conservare il corpo in modo igienico, tramite un procedimento di asepsi.

Dal greco Thanatos ovvero morte e da Praxis, questa prassi oltre che negli Stati Uniti, è legalmente autorizzata in molti Paesi europei e si sta rapidamente diffondendo anche in Italia, le disposizioni in materia, previste dal Regolamento di Polizia Mortuaria italiana, sono quasi nulle.

Le particolarità della Tanatoprassi


Il corpo umano, già nelle prime ore, successive al decesso, subisce veloci trasformazioni, si notano la fuoriuscita dei liquidi organici, e soprattutto sono evidenti vapori nauseanti, tipici della putrefazione, in queste condizioni, non è possibile per i parenti seguire una serena veglia funebre, che potrebbe risultare traumatica e potenzialmente pericolosa.

La Tanatoprassi, oltre ad assolvere ai problemi di carattere igienico, e rendere l'aspetto del defunto più sereno, serve ad eliminare:
- Il rictus dell'agonia;
- La lividezza epidermica, che può precedere l'insorgenza di antiestetiche macchie verdi;
- Il rigonfiamento totale o parziale di alcune zone;
- Eventuali smorfie del viso, nel momento della morte;
- Cattivi Odori, dovuti anche alle evacuazioni.

Si richiede che tale tecnica, sia effettuata molto tempestivamente sul cadavere, in modo che le riprese dei processi di scheletrizzazione, possano realizzarsi concretamente; il periodo di tempo ideale è tra le 8 e 12 ore dall'accertamento strumentale della morte.

Perché possa essere applicato tale procedimento, è necessario avere uno specifico permesso, ovvero bisogna specificare in modo chiaro, tutte le motivazioni, che inducono il direttore delle pompe funebri, ad applicare tale soluzione.

Motivo, molto importante è che tale pratica, non dovrà provocare rischi di infezioni, una volta entrati in contatto con il cadavere, inoltre senza procedere ad alcuna mutilazione, la tanatoprassi, deve assicurare alla salma un'aria naturale, un colorito vivo, come se il defunto fosse ancora in vita, infine, ma non meno importante, deve servire a prevenire o ritardare le modificazioni del corpo, a causa della putrefazione, evitando così le emissioni e gli scoli, provenienti dai vari orifizi dello stesso.

Il procedimento di tanatoprassi, consiste in una iniezione, ad una pressione molto forte, direttamente nel sistema arterioso, di un liquido dalle caratteristiche asettiche e conservanti, in modo che si mescoli omogeneamente con il sangue, elemento instabile, in quanto la sua decomposizione risulta essere abbastanza rapida.

Nella seconda fase, si provvederà a drenare il sistema venoso, oltre al contenuto della cavità addominale e toracica, tale prassi risulta indispensabile, nelle persone decedute in seguito a determinate patologie.

Il cadavere quindi, verrà accuratamente deterso e ricomposto, tenendo in particolar conto la cura del viso, in modo da dare un'immagine del defunto, più serena possibile, perché il corpo che ha custodito un'anima, merita gli stessi riguardi di un vaso sacro, ormai fuori uso.

Con questo sistema, è possibile ritardare per alcune settimane, il processo di decomposizione, senza minimamente ostacolare il naturale ritorno in polvere, che può avvenire in un tempo massimo di 10 anni.

Tale procedimento, può essere eseguito solo da professionisti ed un personale autorizzato, che abbia alla base conoscenze di anatomia e fisiologia oltre ad alte qualità morali.